Finestra di dialogo Configura le impostazioni avanzate di connessione

Da questa finestra di dialogo, è possibile definire le funzionalità avanzate di TN5250.

5250 avanzato

Opzioni di accesso

Non accedere automaticamente

Selezionare se non si desidera accedere all'host subito dopo aver stabilito una connessione. Questa è l'impostazione predefinita.

Accesso automatico con credenziali Windows

Selezionare per accedere all'host con il nome utente e la password di Windows. L'opzione funziona in combinazione con IBM Enterprise Identity Mapping (EIM), che deve essere configurato sul computer host in uso.

Accesso automatico con ID utente e password specificati

Selezionare per accedere all'host con l'ID utente e la password specificati.

Azione alla connessione

È possibile configurare una sessione per eseguire una macro, avviare un'applicazione, aprire una pagina Web, inviare un messaggio di posta elettronica o eseguire numerose altre azioni prima o dopo la connessione all'host.

Esegui una macro o un'altra azione prima della connessione iniziale

Selezionare questa opzione per eseguire l'azione associata alla connessione dopo l'apertura del file di sessione, ma prima della connessione iniziale all'host. (Questa azione viene eseguita anche se la sessione non è configurata per la connessione automatica.)

Seleziona azione

Fare clic per selezionare un'azione o una macro da eseguire prima della connessione all'host. Come impostazione predefinita, sullo schermo viene visualizzata la finestra Seleziona azione che consente di selezionare una macro. Se si preferisce eseguire un'altra azione alla connessione della sessione, è possibile selezionare altre azioni dal riquadro attività.

Esegui una macro o un'altra azione dopo la connessione iniziale

Selezionare questa opzione per eseguire l'azione associata alla connessione in occasione della connessione iniziale all'host.

Seleziona azione

Fare clic per selezionare un'azione o una macro da eseguire al momento della connessione all'host.

Esegui alla riconnessione

Selezionare per eseguire l'azione di connessione in occasione della connessione iniziale all'host e ogni volta che la sessione si riconnette all'host.

Protezione

Impostazioni di protezione

Consente di proteggere i dati comunicati con SOCKS o SSL/TLS.

Varie

Keep alive

Invia pacchetti keep alive

Selezionare per consentire un controllo costante delle comunicazioni tra la sessione corrente e l'host allo scopo di monitorare i problemi di connessione man mano che si verificano.

Scegliere uno dei tre tipi di pacchetti keep alive elencati di seguito:

 

Scegliere

Per

 

Sistema

Consentire allo stack TCP/IP di tenere traccia della connessione host. Questo metodo richiede una quantità inferiore di risorse di sistema rispetto alle opzioni Invia pacchetti NOP o Invia pacchetti di conferma periodica. Tuttavia, la maggior parte degli stack TCP/IP invia raramente pacchetti keep alive.

 

Invia pacchetti NOP

Consentire a Reflection di inviare periodicamente all'host un comando No operation (Nessuna operazione, NOP). Non è richiesto all'host di rispondere a questi comandi, ma lo stack TCP/IP può rilevare se si è verificato un problema nella consegna del pacchetto.

 

Invia pacchetti di conferma periodica

Consentire a Reflection di inviare periodicamente un comando di conferma periodica all'host per stabilire se la connessione è ancora attiva. L'host deve rispondere a questi comandi. Reflection chiude la connessione se non riceve una risposta o se si è verificato un errore nell'invio del pacchetto.

Timeout keep alive in secondi

Selezionare l'intervallo tra le richieste keep alive, che può essere compreso tra 1 e 9999 secondi; il valore predefinito è 600 secondi.

Posizione Telnet

Posizione Telnet

(Opzionale) Digitare sino a un massimo di 41 caratteri per descrivere brevemente la sessione. Potrebbe essere utile riportare la posizione del PC, il nome del computer o l'indirizzo IP.

Questa funzionalità utilizza l'opzione SEND-LOCATION supportata nelle connessioni Telnet (RFC779) per inviare la localizzazione fisica di un utente collegato.

Reflection non attiva un comando WILL SEND se l'utente non seleziona l'opzione Posizione Telnet digitando informazioni in questa casella.

HLLAPI

Opzioni

Nome breve

Selezionare un nome breve HLLAPI da associare alla sessione. Tale valore viene utilizzato da un'applicazione HLLAPI per identificare una sessione dell'host. Come nome breve è possibile utilizzare qualsiasi lettera maiuscola singola (A-Z).

Come impostazione predefinita, Reflection assegna la prima lettera disponibile (A se non sono in esecuzione altre sessioni) e salva quel valore come nome breve quando viene salvato il documento della sessione. Se vengono aperte più sessioni con lo stesso nome breve HLLAPI, Reflection riassegna automaticamente il nome breve HLLAPI a ciascuna sessione che viene aperta dopo la prima, utilizzando la lettera successiva disponibile.

Se l'applicazione HLLAPI in uso richiede un valore di nome breve specifico, specificare questo valore, quindi salvare il documento della sessione. Se vengono eseguite più sessioni, è necessario accertarsi che le sessioni in esecuzione nello stesso momento non richiedano lo stesso nome breve HLLAPI.

Se si desidera che Reflection generi valori nuovi e arbitrari per il nome breve di ogni nuova sessione, salvare tutti i documenti della sessione con il nome breve HLLAPI impostato su A. Reflection imposterà sempre il nome breve HLLAPI su A per la prima sessione e, per ogni sessione seguente, riassegnerà il nome breve utilizzando la lettera successiva disponibile.

Nome lungo

Immettere un nome lungo HLLAPI da associare alla sessione. Un nome lungo HLLAPI identifica la sessione dell'host per comodità dell'utente. Non viene utilizzato dall'applicazione HLLAPI. Il nome lungo può avere un massimo di otto caratteri e includere lettere, numeri e altri caratteri.

Compatibilità

Se si migra da una versione precedente di EXTRA! o di Reflection, e l'applicazione utilizza le impostazioni predefinite di compatibilità HLLAPI, è sufficiente selezionare Reflection o EXTRA! dall'elenco a discesa Compatibilità. In questo modo, il supporto HLLAPI di Reflection verrà configurato in conformità alle impostazioni predefinite di queste applicazioni.

Se l'applicazione richiede impostazioni di compatibilità HLLAPI personalizzate, selezionare Personalizzato dall'elenco a discesa Compatibilità. Dopo aver selezionato Personalizzato, è possibile immettere una maschera di compatibilità personalizzata.

NOTA:A causa delle variazioni nell'implementazione di HLLAPI nei prodotti precedenti, quando le applicazioni HLLAPI di EXTRA! e di versioni precedenti di Reflection vengono eseguite con Reflection potrebbero non funzionare esattamente come quando venivano eseguite con il prodotto per cui erano state inizialmente scritte. Anche quando è stata selezionata l'impostazione di compatibilità corretta, potrebbero verificarsi piccole differenze nello stato o nel codice restituito da alcune funzioni.

Maschera di compatibilità personalizzata

I valori numerici consentiti dagli stili delle maschere di compatibilità personalizzate sono maschere di bit che contengono bit separati di informazione relativi alla configurazione HLLAPI di Reflection. Ogni stile è uguagliato a un valore decimale ed esadecimale. Consultare la tabella riportata di seguito per un elenco degli stili e dei valori.

Per creare una maschera di compatibilità, aggiungere i valori decimali o esadecimali di ogni stile e immettere la somma nel campo Maschera di compatibilità personalizzata. I valori possono essere immessi sia in formato decimale sia in formato esadecimale; tuttavia, se si scelgono questi ultimi, ricordarsi di sostituire 0x all'inizio del valore con &H. Per utilizzare il valore esadecimale 0x5380, ad esempio, immettere &H5380 nel campo Maschera di compatibilità personalizzata.

Per attivare, ad esempio, Propaga EAB (valore decimale = 1), Posizione di inibizione dell'input (valore decimale = 8), e Non andare a capo alla fine dello spazio di presentazione (valore decimale = 512), sommare questi tre numeri (1 + 8 + 512 = 521) e immettere il totale nel campo della maschera di compatibilità.

 

Stile

Valore decimale

Valore esadecimale

 

Propaga EAB Quando questo bit è attivato, l'esecuzione di una funzione Copy Presentation Space (Copia spazio di presentazione) oppure Copy Presentation Space to String (Copia spazio di presentazione nella stringa), con i parametri di sessione EAB e NOXLATE produce la copia di ogni attributo esteso specificato all'inizio di un campo in tutti i caratteri del campo per i quali non è stato attivato esplicitamente l'attributo esteso corrispondente. Quando questo bit è disattivato, l'attributo non viene copiato in tali caratteri. Questo bit si applica solo alle sessioni 3270.

1

0x0001

 

Protocollo di richiesta dell'aggiornamento host Quando questo bit è attivato, le funzioni di richiesta dell'aggiornamento host Query Host Update registrano le modifiche allo spazio di presentazione solo se sono state originate dall'host. Quando questo bit è disattivato, le funzioni registrano le modifiche originate dall'host o dalla tastiera.

2

0x0002

 

Posizione di inibizione dell'input Questo bit stabilisce la posizione dell'indicatore per l'inibizione dell'input nella stringa restituita da Copy OIA (Copia area di informazioni dell'operatore). Quando è attivato, l'indicatore viene visualizzato nella posizione 9. Quando è disattivato l'indicatore viene visualizzato nella posizione 5.

4

0x0004

 

Copia lo spazio di presentazione oltre la fine Questo bit stabilisce il comportamento della funzione Copy Presentation Space to String (Copia spazio di presentazione nella stringa) quando la stringa da essa specificata si estende oltre la fine dello spazio di presentazione. Quando è attivato, non viene generata alcuna segnalazione di errore e i dati che si trovano tra la posizione specificata sino alla fine dello spazio di presentazione vengono copiati mentre ciò che rimane della stringa dei risultati viene trasformata in zero binari. Quando è disattivato, Reflection restituisce un errore (APIPARAMETERERROR, valore 2).

8

0x0008

 

Attendi un secondo Quando questo bit è attivato, prima di restituire un risultato HLLAPI attende un secondo dopo l'ultima modifica dello spazio di presentazione generata dell'host. Quando è disattivato, HLLAPI non attende. Influisce sulle funzioni Copy OIA (Copia area di informazioni dell'operatore), Query Host Update (Richiedi aggiornamento host), Copy Presentation Space to String (Copia spazio di presentazione nella stringa) e Copy Presentation Space (Copia spazio di presentazione).

16

0x0010

 

Modifica campo protetto Quando questo bit è attivato, la funzione Copy Presentation Space to String (Copia spazio di presentazione nella stringa) può essere utilizzata per copiare in campi protetti. Quando è disattivato, la copia in campi protetti non è consentita.

32

0x0020

 

Converti gli attributi 5250 in attributi 3270 Quando questo bit è attivato, gli attributi copiati dall'applicazione HLLAPI dallo spazio di presentazione del terminale 5250 vengono convertiti in attributi del terminale 3270. Quando è disattivato, Reflection restituisce i valori degli attributi del terminale 5250 (con i due bit di ordine alto attivi).

64

0x0040

 

Sempre vuoto Quando questo bit è attivato, i caratteri dei dati che le funzioni Copy Presentation Space to String (Copia spazio di presentazione nella stringa) o Copy Presentation Space (Copia spazio di presentazione) trovano nello spazio di presentazione e che non possono essere convertiti in ASCII vengono trasformati in spazi. Quando è disattivato, impostando ATTRB è possibile specificare come devono essere trattati questi caratteri (se ATTRB è attivato, vengono passati per il loro valore originale, se è disattivato, vengono convertiti in spazi).

128

0x0080

 

Trasmetti campi protetti modificati Questo bit è rilevante quando viene consentita la modifica HLLAPI dei campi protetti (vedere Modifica campo protetto). Quando è attivato, il campo protetto modificato non viene inviato all'host in risposta a un comando di lettura delle modifiche. Quando è disattivato, il campo protetto modificato viene inviato.

256

0x0100

 

Non andare a capo alla fine dello spazio di presentazione Questo bit stabilisce il comportamento di un'operazione di copia di una stringa nello spazio di presentazione quando viene raggiunta la fine dello spazio di presentazione prima che la stringa sia stata interamente copiata. Se il bit è attivato, l'operazione si interrompe e restituisce un errore APITRUNCATED. Se è disattivato, l'operazione di copia prosegue dall'inizio dello spazio di presentazione.

512

0x0200

 

Errore Escape errato Quando questo bit è attivato, le sequenze di escape non definite passate a Invia tasto vengono segnalate da un errore APIPARAMETERERROR. Quando è disattivato, gli errori di questa natura vengono ignorati.

2048

0x0800

 

Interrompi Invia tasto in corrispondenza di AID Il comportamento standard di Invia tasto consiste nel suddividere le stringhe da inviare in segmenti delimitati da un tasto AID e nell'invio sequenziale di questi segmenti, con generazione di errore solo nel caso di obiezione da parte dell'emulatore, espressa con l'inibizione dell'input o con uno stato di occupato. Quando il bit è attivato, HLLAPI interrompe l'invio dopo il primo di questi segmenti, generando un errore se Errore Invia tasto dopo AID è attivato. Quando il bit è disattivato, in circostanze simili HLLAPI non genera un errore.

4096

0x1000

 

Errore Invia tasto dopo AID Quando questo bit è attivato, l'applicazione HLLAPI genera un errore se Invia tasto continua a inviare caratteri dopo la trasmissione di un tasto AID. Quando il bit è disattivato, in circostanze simili l'applicazione non genera un errore.

8192

0x2000

 

Restituisci campi a lunghezza zero Se questo bit è attivato, la funzione Find Field Position (31) (Trova posizione campo) restituisce APIOK e la posizione (nel parametro della posizione) del successivo campo di lunghezza zero. In caso contrario, restituisce APIZEROLENFIELD e 0 nel parametro della posizione.

16384

0x4000

 

Disattiva Cache Se attivato, questo bit disattiva il meccanismo di cache che aumenta le prestazioni. Se si verificano problemi di sincronizzazione tra l'applicazione in uso e lo schermo di Reflection, si consiglia di provare ad attivare questo bit. Dopo averlo attivato, è possibile che si verifichi un peggioramento delle prestazioni HLLAPI.

32768

0x8000

 

Versione non aggiornata di Flashpoint Le versioni 3.1 e precedenti di Flashpoint si aspettano che le chiamate consecutive CopyPS includano o non includano gli attributi, indipendentemente dalle impostazioni degli attributi. Attivando questo bit, HLLAPI accetta questo comportamento.

65536

0x10000

 

Convertitore DOS ASCII Questo bit converte un carattere HLLAPI in formato DOS ASCII.

131072

0x20000

 

EXTRA! Valori OIA Quando questo bit è attivato, Copy OIA restituisce valori del buffer OIA che non corrispondono ai valori EXTRA! invece dei valori predefiniti di Reflection.

262144

0x40000

 

Stile Rumba La configurazione Reflection HLLAPI corrisponde alle impostazioni predefinite di Rumba.

297

0x0129

 

EXTRA! Stile La configurazione HLLAPI di Reflection corrisponde alle impostazioni predefinite di EXTRA!.

21380

0x5384